E se il Made in Italy fosse un brand?

Digital Made in Italy sbarca a Roma
8 Settembre 2017
Quotare le nostre aziende per creare posti di lavoro
10 Settembre 2017

Se il Made in Italy fosse un brand, in base ad una ricerca di Google, si collocherebbe come il 3° al mondo dopo Coca Cola e Visa.

Non sorprende, se ci riflettiamo. Sappiamo bene, per esempio, quanto vip, turisti e così via rimangano colpiti dalla nostra cucina quando la provano. Il Giardino alla francese è un’evoluzione del Giardino all’italiana. L’architettura, l’arte, la moda, fanno del nostro Paese una garanzia, o un’ispirazione, per molte cose.

In qualsiasi parte del mondo i nostri prodotti, i nostri monumenti, il cibo, i paesaggi sono conosciuti ed apprezzati e soprattutto ricercati. Spesso siamo noi italiani a non avere consapevolezza di ciò che abbiamo. Paradossalmente, sono più vicini a questa idea i nostri connazionali che vivono oltre confine.

Se l’idea di un brand “Made in Italy” diventasse realtà, numerosi sarebbero i benefici.

Non ci stiamo riferendo alle tradizionali etichette informative, inserite nei prodotti al fine di certificarne provenienza, materiali, indicazioni per la corretta conservazione.

L’esigenza sarebbe quella di concepire una promozione coordinata e globale del marchio Made in Italy.

I vantaggi sarebbero notevoli:
• Rafforzare la percezione del Made in Italy sul mercato
• Favorire la commercializzazione dei prodotti
• Il messaggio risulterebbe semplice e chiaro agli utenti
• Avrebbe un valore
• Potrebbe essere gestito da un’unica “cabina di regia”
• Ogni settore industriale e commerciale ne sarebbe rafforzato in termini di identità
• Le iniziative Comunali e Regionali risulterebbero più efficaci unitamente ad un’identità Made in Italy
• Si tratterebbe di un marchio ufficiale registrato, con conseguenze importanti sul conto economico relativamente alle iniziative, ai diritti, ai gadget

Spesso cerchiamo di andare alla ricerca di nuove opportunità che possano sprigionare del valore aggiunto, quando invece il vero valore lo abbiamo “in casa”.

Mauro Cervini
Mauro Cervini
Advisor che individua e supporta le PMI Italiane facilitandone la quotazione nei Mercati Borsistici organizzando direttamente o partecipando con altri soggetti qualificati all’iter operativo in sinergia con l’attività di Wealth Adbisor nell’ambito del Mondo Bancario, delle Reti e dei Consulenti Finanziari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

//]]>